Fermare Oscar Giannino

oscar giannino

Questa vicenda Giannino è una delizia, nella sua sommaria italianità. Nel torpore di una campagna elettorale scossa dalle piccole cose di pessime gusto congegnate dal media guru Gianroberto Casaleggio, confezionatore di un nuovo ordine mondiale, per un sempiterno Beppe Grillo, ecco che compare lui. Un dandy gattaro, per come viene descritto da Alessandro Sallusti, un direttore senza testata per come lo interpreto io. Geniale tutto a modo suo, esploso per un lapsus linguistico di una sostenitrice di Nichi Vendola che ha distorto un vezzeggiativo, trasformando il buon Giannino in Giannetto,
rendendolo ancora più prossimo a suscitare simpatia umana.

Un’affinità tradotta in valore aggiunto quando ha abbracciato la sacra causa di osteggiare la costruzione della cittadella della Juventus sui terreni della Continassa. Giannino contro Agnelli, contro la Fiat, contro i poteri forti nella sua proverbiale invettiva dai microfoni di Radio24.

Luigi Zingales ha denudato Giannino, lasciandolo al vento della campagna elettorale nel suo rush finale. Perché ha ceduto alla tentazione di mostrare un curriculum inoppugnabile da messia del neoliberalismo, per esibire quel sogno di una rivoluzione liberale impacchettato per benino nella campagna elettorale del 1994, agli albori del ventennio berlusconiano.

Millantare è abitudine dei vanesi, di egocentrici inclini al narcisismo categoria che si incrocia nelle redazioni con una frequenza superiore alla media. Per fare il giornalista non è indispensabile, però, conseguire Master universitari. Ritengo la cosa in sé opinabile, ma non vi è alcuna esplicita indicazione che escluda dalla professione chi non ha conseguito un titolo post universitario. Come non lo è un titolo universitario, almeno fino a questo momento. Perché quel che vale è l’insieme di competenze maturate, con sacrificio, dedizione, tenacia, studio. Valori che conferiscono autorevolezza.

Certo l’economista professore Zingales che accerta la mancata veridicità del titolo conseguito nella sua università (non doveva poi scomodarsi più di tanto) in questa fase conclusiva ha conferito una drammaticità inaspettata al personaggio Giannino, vittima di un vezzo, di una bugia bambinesca che nell’era di quell’internet maligno quasi ispira tenerezza se non fosse per l’appello alla trasparenza divenuto valore di quel manifesto FARE. Apice che rammento, in questa campagna da Porcellum, toccato solo nella puntata di Otto e mezzo in cui Lilli Gruber accennò alla malattia e alla dedizione di Giannino nel sostenere la lotta contro il cancro e i malati.

Nella sua fin troppo argomentata lettera dimissionaria/denuncia pubblicata sul suo profilo Facebook (un social può accogliere nell’era della velocizzazione digitale un testo così denso e mantenere la stessa efficacia dei canali comunicativi tradizionali?), Zingales indica il reo che confessa controvoglia, piegato dalla necessità di non perdere quel candido e agognato scranno della credibilità.

Con quel suo dire affabulatorio, quella meravigliosa capacità di elencare senza sosta enti, fondazioni, istituti, oggetti e soggetti del demanio pubblico sconosciuti, Oscar Giannino cattura una fetta di elettorato che del declino, Equitalia, nipotine di Mubarak ne ha una repulsione incontrollata. Riempie timeline, manco fossimo pronti ad elaborare le conseguenze di un nuovo miracolo italiano.

Invece mi scivola nel più italiota dei difetti, quell’abitudine un po’ così di ingigantire per rafforzare posizioni preminenti come se quanto costruito in una vita, come se quella militanza nel PRI a nulla valesse, come se quei discorsi vivi, appassionati nei teatri poco contassero rispetto all’essere un masterizzato qualunque.

Difettuccio che lede la compattezza del suo seguito, che si era educato a discorrere di contenuti politici seri in una campagna elettorale in cui MPS, scudo fiscale, Finmeccanica, conflitto di interessi, La7 e altre eventualità non pesassero nella costruzione dell’impianto della credibilità, della fiducia. Architettura fragilissima che un foglio di carta è bastato a far vacillare e che potrebbe avere conseguenze nelle regioni sensibili, come nel caso del nostro Ohio, la Lombardia.

Peccato, perché è bastato dire quel poco e tirarsi via dalla spartizione di seggi e seggini per destabilizzare gli equilibri dei signori di Palazzo.

Annunci

2 pensieri su “Fermare Oscar Giannino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...