Calcioscommesse: la Lazio rischia 5 punti di penalizzazione. Iacovelli scagiona Conte

stefanomauri

La proposta del presidente del Consiglio, Mario Monti, di sospendere il campionato parse spropositata e irrealizzabile per l’industria del calcio e il suo indotto, alla vigilia di quella lunga estate di processi. Non si contemplavano i 2 punti di penalizzazione che la Disciplinare ha deciso di infliggere al Napoli sul finire del girone di andata, né il processo sportivo che coinvolgerà Lazio, Genoa e Lecce a inizio febbraio, secondo quanto riporta oggi il Corriere dello Sport. Un procedimento che potrebbe vedere i biancocelesti penalizzati di ben 5 punti.

Nella settimana che porta al giudizio della Corte di Giustizia Federale che potrebbe confermare o ribaltare la decisione della Commissione in primo grado, lo scenario che si paventa descrive uno stato di calma apparente quanto inspiegabile. La procura federale, guidata da Stefano Plazzi, è prossima al deferimento relativi a Lazio-Genoa e a Lecce-Lazio, partite il cui risultato sarebbe stato alterato e per cui sarà celebrato un processo in tempi assai distanti da quanto preventivabile vuoi per la richiesta della procura di Cremona di prorogare le indagini, vuoi perché altrimenti le conseguenze graverebbero ancora su questa tormentata stagione e sulla sua provvisoria classifica.

“Non si capisce perché in questa fase qualcuno si assume la responsabilità di fare una scelta che comporta danni gravi e irreparabili”, ha commentato Lotito, in un colloquio con Panorama.it. “La giustizia sportiva deve avere una scadenza temporale in modo da mettere tutti in condizione di difendersi e non deve essere legata solo a ipotesi ma a fatti concreti ed accertati – aggiunge – Poi è chiaro che in una competizione chiusa come il campionato italiano se lei toglie due punti oggi e due punti domani anche dal punto di vista psicologico… Questo è il sistema per far scoppiare casino”.

Proprio dalla procura da cui è partita la nuova inchiesta sul calcioscommesse, giunge la notizia battuta dall’agenzia di stampa ANSA che le partite manipolate dallo ‘zingaro’ Almir Gegic sono “una quarantina, alcune delle quali di Serie A” e il suo racconto appare “poco credibile” anche “con riferimento ai rapporti con Ilievsky (altro ‘zingaro’, ancora latitante) dei cui spostamenti e coinvolgimenti, come quello in occasione della partite con la Lazio, non sarebbe stato al corrente”. Anche per questo il gip di Cremona Guido Salvini ha negato la scarcerazione all’ex calciatore arrestato per il calcioscommesse.

Torniamo alle cose romane, laziali in particolare. Le visite di Zamperini e Ilievski a Formello nei giorni precedenti a Lazio-Genoa, tracciate con le schede telefoniche dei due agganciate in prossimità del centro sportivo biancoceleste e di una scheda che avrebbe usato Mauri per contattare Zamperini nel corso della settimana. Il rischio per la società, attualmente dietro alla sola Juventus in classifica, è di vedersi decuratato il proprio bagaglio punti per responsabilità oggettiva.

La procura federale potrebbe infatti procedere nei confronti del capitano laziale per illecito e di conseguenza, deferire il club in base a quello che rimane a tuttira l’istituto più discusso. Il tutto sulla base di riscontri, di testimonianze, di dichiarazioni. Mauri avrebbe anche ammesse di aver scommesso, ma su basket e tennis attraverso una scheda coperta che risultava intestata a una persona non direttamente a lui riconducibile. Per lui, dopo l’arresto disposto dalla procura di Cremona, a distanza di mesi si apre il capitolo della giustizia sportiva.

Angelo Iacovelli, il factotum del Bari di Andrea Masiello e Antonio Conte, è intervenuto a Lunedì di rigore. Uno dei maggiori collaboratori della procura di Bari, ha escluso un coinvolgimento di Antonio Conte (persona informata sui fatti) nella combine di Salernitana-Bari.

“Io ho partecipato a molti allenamenti di Conte. Lo stimo tantissimo. Di sicuro lui non sapeva niente di questa cosa. Ha sempre chiesto il massimo dai ragazzi. Si incazzava molto con loro quando perdevano. L’ho saputo io perché ero molto vicino ma nessuno aveva il coraggio di parlare col mister di questo sapendo che persona è. Nessuno ha avuto il coraggio di dirgli ‘Ci stiamo vendendo la partita’. Sono stato a molte cene con loro, ne parlavano lì. Altre volte uscendo dal tunnel che portava in campo. Ma soprattutto a cena. Alcuni giocatori sono rimasti fuori dallo scandalo. Non tutti erano partecipi. I nomi più o meno sono quelli che sono usciti, tipo Almiron, Barreto, Gazzi, Ranocchia non volevano fare parte della combine. Ranocchia non doveva neppure giocare in Salernitana-Bari. Era un ragazzino. Non sapeva neppure cosa succedeva nello spogliatoio. I soldi che avrebbe dovuto prendere dalla combine li dovevano dare a me, ma io non li ho mai presi. Ma sicuramente il mister era all’oscuro di tutto. Quello che ha raccontato Kutuzov non lo so, ma quello che di persona ho vissuto è che il mister secondo me era estraneo a questi fatti. Ho visto allenamenti di Conte anche a Siena e quello che faceva lì, urlando ai giocatori, lo faceva anche a Bari”.

Iacovelli ha parlato anche di Stellini e del suo rapporto con Conte: “Stellini era il vicecapitano del Bari, era considerato dai compagni anche più del capitano Gillet, era uomo di spogliatoio, tutti si affidavano a lui e aveva un ottimo rapporto con Conte perché era sempre l’ultimo ad uscire dal campo, se lo sarà portato a Siena e a Torino per questi motivi. Anche a Siena Stellini era molto amico dei calciatori, ma non so se sapeva e voleva tenere nascosta la cosa al mister. Quello che io ho visto è che Conte non c’entra nulla. Poi io non posso sapere se sapeva. Di queste cose posso mettere le mani sul fuoco, che non hanno parlato mai davanti a Conte ma solo tra di loro. Ma so anche che se Conte e anche Ventura fossero venuti a sapere cosa stavano facendo avrebbero fatto un casino della Madonna, sono persone che masticano calcio da tanti anni e avrebbero fatto un casino”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...