Dossier illegali: Cipriani e la genesi di Calciopoli

Emanuele Cipriani è a capo di un’azienda che si occupa di analisi e valutazioni finanziarie, due diligence, attività informativa nel settore industriale e dei servizi (bancario, assicurativo), la Polis d’Istinto. Ha sede in Toscana, a Firenze. Non si tratta di un’agenzia come le altre. La Polis d’Istinto è nota per essere stata investita da incarichi di estrema rilevanza nonché di indubbia delicatezza da parte di Giuliano Tavaroli. Tavaroli, ex responsabile della security di Pirelli e di Telecom Italia nell’era tronchettiana, ha patteggiato una condanna a 4 anni in uno dei processi più impattanti per gli intrecci tra il più primo gruppo di telecomunicazioni nostrano e i servizi segreti e un sistema che va disegnandosi attraverso i procedimenti portati avanti dalla procura di Milano. Cipriani era l’uomo di fiducia di Tavaroli, l’investigatore a cui erano state affidate indagini finalizzate a attività di dossieraggio vero e proprio su personaggi tra i più disparati.
Cipriani aveva svolto degli accertamenti per conto dell’Inter sulla Gea, l’agenzia di cui era titolare il figlio di Luciano, Alessandro Moggi. La società più potente in Italia, che gestiva i giocatori più prezzolati del nostro calcio, allora probabilmente il campionato più bello del mondo. E con i maggiori interessi economico-finanziari. Concetti che Cipriani conferma nel corso dell’udienza in cui erano attese le sue dichiarazioni assolutamente coincidenti con quanto ribadito recentemente da Tavaroli nella sua ricostruzione: incontrò Massimo Moratti, presidente dell’Inter, ricevette direttamente da lui l’incarico di spiare Moggi e i suoi e alcuni giocatori, riferimento da acquisire come fatto. La sentenza di primo grado del tribunale di Milano sul caso Vieri (processo su cui ho sempre espresso il convincimento si potesse arrivare a una ricostruzione distante da condizionamenti) ha restituito solidità a quanto dichiarato sia da Tavaroli sia da Cipriani (il quale ha menzionato anche Lillo Foti, ma di ciò si racconterà in un contesto diverso).

Una società, capeggiata da esponenti di primo piano del mondo finanziario e provenienti dalle istituzioni e legata alla Saras, conduceva delle indagini, produceva fascicoli in forma illecita come sancito nella sentenza Vieri per acquisire informazioni relativamente a giocatori (Vieri, appunto), arbitri (De Santis), società di procuratori (Gea), intrattenendo rapporti nella massima ambiguità con altri personaggi chiave del sistema calcio come indicato nella sentenza di primo grado del tribunale di Napoli sulla base delle intercettazioni recuperate e presentate nel corso del processo. E sull’Inter e quanto operato dagli uomini di vertice di allora per comprendere la rilevanza del loro ruolo, non c’è che da recuperare i passaggi più espliciti della pronuncia da parte della corte napoletana. Calciopoli ha la sua genesi qui, tra le pieghe di questo gioco di scatole, pedinamenti, intercettazioni.

In questi tempi cupi resi ipocriti dalle strumentalizzazioni studiate ad arte per celare dietro grandi enunciazioni di principio l’intento di confondere l’opinione pubblica e di distrarla da provvedimenti iniqui, un silenzio colpevole anche dei media tace spiate e dossieraggi – illeciti – commissionati come hanno ripetuto Tavaroli e Cipriani in distinte udienze nell’aula bunker di San Vittore da Massimo Moratti che incaricò l’ex responsabile della sicurezza di persona. Il presidente per cui si muove dagli uffici della procura Stefano Palazzi, il presidente che a Palazzo di Giustizia parla con Francesco Saverio Borrelli e Ilda Boccassini destando dubbi che solo la magistratura può risolvere, incertezze da allontanare anche relativamente a quel noto modello 45.

Nell’altrettanto assordante silenzio della Federcalcio, tra prescrizioni e richiami all’etica che vorrebbero azioni altrettanto incisive, si ritrovano gli ulteriori buchi in questa complessa vicenda  che stenta a propinare risposte accettabili.

Come quelle che aspettano i familiari di Adamo Bove, ex uomo dello Stato  tra i migliori poliziotti della Dia passato in Telecom, deceduto gettandosi dalla tangenziale di Napoli in circostante alquanto ambigue durante quell’estate del 2006. Si valutò l’ipotesi del suicidio, si indagò in altra direzione dietro sollecitazione della sua famiglia. Di suo fratello, il gemello Guglielmo, ex dirigente dell’ufficio legale di Telecom Italia. Il primo ad asserire che non si sarebbero accontentati di una verità di comodo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...