In Svizzera i soldi del calcioscommesse: tutti contro Doni

In quanti all’ipotesi avanzata dal portale svizzero fussball.ch che il giocatore importante coinvolto nella macchina del riciclaggio fosse Cristiano Doni non hanno provato alcun moto pietistico? 

Di Doni, della sua capacità poliedrica di rinnovarsi imprenditore sorridente e paparazzato in un servizio più decadente di quelli studiati dal sempre geniale Roberto D’Agostino o dell’essere rinnegato dagli atalantini chi se ne cura – nell’accezione migliore – da quando ha ammesso il proprio coinvolgimento? 

E’ una provocazione, sia ben chiaro, ma la menzione di Doni fatta dalla stampa svizzera non ha destato alcuna sorpresa dopo la consueta anticipazione della Gazzetta. L’indicazione dell’ex capitano come il professionista di primo piano che si sarebbe avvalso di un uomo di paglia, di un prestanome per aprire un conto corrente cifrato in Svizzera su cui versare denari derivanti – si sospetta – da attività illecite è scaturita dalla richiesta avanzata dalla magistratura svizzera, Berna in particolare, di acquisire la documentazione prodotta dalla procura di Cremona attraverso una rogatoria internazionale. 

Salvatore Pino, legale di Doni, ha inviato una nota all’Ansa con cui smentisce asserendo che il suo assistito “non ha ricevuto alcun invito a comparire di fronte alle autorità elvetiche o italiane, nell’ambito dell’indagine sul riciclaggio svizzero dei proventi del calcioscommesse, riferita oggi da molti siti internet”.

Guido Salvini

“Escludo, in ogni caso – scrive il legale nella nota – che il mio assistito abbia a che vedere con quest’inchiesta e con il conto elvetico di cui hanno parlato gli organi d’informazione”. L’avvocato Pino aggiunge che “è ferma intenzione di Cristiano Doni querelare chiunque accosti il suo nome alla vicenda del presunto riciclaggio in Svizzera“.


I giudici elvetici sentiranno cinque persone i cui nomi sono già emersi nel corso del procedimento in occasione degli arresti avvenuti nel giugno, nel dicembre dello scorso anno e nello scorso maggio. Tra i destinatari della rogatoria dei magistrati svizzeri ci sarebbe anche un calciatore che l’avvocato ha negato essere Doni. Un giocatore che ha già avuto problemi con la giustizia per fatti simili: è indagato a Cremona per associazione per delinquere finalizzata alla frode sportiva. E’ assai probabile che il giocatore sia convocato dagli uomini della squadra mobile e dello Sco di Roma per rispondere alle domande del gip Guido Salvini, alla presenza del procuratore capo Roberto Di Martino.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...