La Disciplinare contro Palazzi: gli effetti perversi sul caso Conte

Negatemi ora se quanto si consuma nella dialettica tra procuratore federale e Commissione Disciplinare non trasla sul piano della vicenda giudiziaria l’inscenarsi dell’epilogo – decadente – di una giustizia frammentaria che arriva a ribaltare il senso delle cose indicando lo stato di confusione in cui versa.


Negatemi che ora dopo il rigetto del patteggiamento annunciato in una spettacolizzazione senza eguali sul caso Conte non vale come una indicazione netta, nettissima nei riguardi di Palazzi su come gestire questo scempio culturale e sociale che liquidiamo assai spesso con la sintesi riduttiva di calcioscommesse. Nella diatriba interna tra Disciplinare e Procura c’è il seme della frattura interna? Probabile, perché quest’estate di processi che si risolveranno con la continuazione del medesimo schema senza incidere sul calendario ( e spero nella smentita dei fatti) imporrebbe non le sole dimissioni – come suggeriscono alcuni – del procuratore ma una riforma seria, strutturata e consapevole della giustizia sportiva.


Negatemi che già alla prima lettura dei deferimenti non vi siete interrogati sulla coerenza dell’impianto accusatorio e, poi sul senso di una linea difensiva fondata sulla negoziazione con una parte chiusa su una posizone a prescindere, riferendosi a verità parziali e frammentarie di Filippo Carobbio relativamente a quella famigerata riunione tecnica e al coinvolgimento del tecnico nella due partite da cui l’omessa denuncia.


Negatemi che sia scattato in voi l’insofferenza nei riguardi di un sistema che premia con il patteggiamento un giocatore come Andrea Masiello, reo di aver creato la macchina delle scommesse, con 2 anni e a 2 mesi più un’ammenda di 30mila euro quando di anni per il presunto illecito commesso da Bonucci (per cui la procura di Bari ha deciso di non andare oltre dopo lo tsunami mediatico precedente a Euro 2012) vuole 3 anni e 6 mesi di squalifica. Un anno e 3 mesi per Conte aveva chiesto mercoledì Palazzi, in quella che ormai ha assunto i contorni di una contrapposizione personale ad Artico e alla Commissione Disciplinare. Ieri, per Pepe ha chiesto nuovamente un anno. Per omessa denuncia. 


La Juventus contraccatta, la Figc replica nella consueta querelle nella sesto post Calciopoli. Si procede con il secondo processo in calendario questa settimana sul filone di Bari. E si vocifera nuovamente, stamani, di un patteggiamento. Sarebbe un suicidio assistito, francamente, in questo quadro convenire ancora ad accordi dopo il moltiplicarsi di elementi volti a sostenere la tesi di quanti hanno individuato nelle diatribe interne alla magistratura sportiva uno dei fattori che hanno trascinato a questo punto di non ritorno. Nulla è stato modificato rispetto al 2006, nonostante gli appelli di esimi esponenti della giustizia sull’arretratezza del codice. 


Invece, nella più italica delle consuetudini tutto cambia perché le cose rimangano uguali. 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...