Conte, non patteggiare. Non finirà così



Io credo in Antonio Conte. Credo in quella sua ossessione maniacale di sentirsi inadeguato rispetto a chiunque per seguire la pulsione che muove tra riscatto e tensione. In quell’urgenza che lo affama, più che appagarlo. Ne apprezzo le qualità di tecnico, come la dialettica sviluppata nel replicare a strumentalizzazioni e accuse, da capitano della Juventus. Non può, non deve patteggiare.


Mi aspetterei, fossimo ridotti a una mercificazione meno barbarica della giustizia, che Conte non cedesse alle lusinghe delle convenzioni ovvie e scontate del buon ufficio del patteggiamento per dimostrare in un equo processo, la sua integrità.


La sua estraneità al cinismo di un Filippo Carobbio che ha ricostruito la sua versione dei fatti a puntate, in una fiction in cui al plot principale si sono aggiunti, di volta in volta, elementi di interesse per la procura in funzione delle contropartite e della giustizia ordinaria (la procura di Cremona, nello specifico) e della giustizia sportiva. 


E non per un adeguamento del lessico famigliare ginzburgiano. Il procuratore federale Stefano Palazzi, invece di valutare un connubio sbilenco affidato all’astigmatismo casuale di testimoni a gettone ha prediletto la via del deferimento. Per omessa denuncia, specifica che ammette la rivedibilità della tesi del grande accusatore.


Anche se la Juventus, dopo le scelte controverse e discutibili e anti-economiche intraprese nell’estate della dissoluzione della triade, dovesse premere per il patteggiamento con quell’ignobile tariffa di 200.000 euro a quantificare il prezzo di un reato – fosse verificato -, Antonio Conte non deve convenire. Non deve farsi persuaso che sia la via indolore al rientro. 


Non per quel presunto e modaiolo inneggiare al fatto che nel diritto sportivo “patteggiare non è un’ammissione di colpa”. 


Non per evidenziare il moltiplicarsi dei dubbi dopo i deferimenti, le incongruenze e l’ovvietà dell’inadeguatezza degli istituti e delle pene, come le inchieste giudiziarie ci impongono di valutare.

Non per la logica accusatoria che muove il procuratore a ritenere che non si sia accordato per alterare il risultato di quella partita ma che lo abbia solo saputo e abbia preferito tacere nonostante ciò risponda ad un reato sanzionato dal codice di giustizia sportiva.


Non per un sistema che ha fallito, imponendo in un processo dai richiami staliniani all’imputato l’onere della prova della propria discolpa dai tempi contratti, castrando i legali del collegio della difesa di produrre prove per scagionare i propri assistiti e ripristinare, dove veritiero, quanto accaduto realmente.




Non solo perché sei Antonio Conte. E hai vestito la maglia di capitano. E di allenatore, scartato dalla dirigenza che ti preferì allora Ciro Ferrara convivendo con l’abdicazione, la resa che un combattente come te detesta. Più dell’infamia, forse.


Perché non finirà con il patteggiamento. Continuerà. E verranno nuove accuse, altre dopo quelle che fintamente hanno riempito i titoli odierni. 


Il pallone criminale, il calcio malato si fonda sui silenzi, meschine geometrie fondate sulle fondamenta di compromessi e interessi le cui fila sono tenute da organizzazioni strutturate e ramificate ad ogni livello. 


Se Calciopoli va riscritto, se la Juventus si è riappropriata della propia identità stuprata dal giudizia grossolano e a tratti sintomatico di quella faciloneria italiota così consueta, se la prescrizione interista non va acquisita come un fastidioso così vissero felici e contenti, allora non si facciano mezze. 


Un patteggiamento, adesso, sarebbe peggio di una rete presa al 90′, mister. Racconti la sua verità, senza compromessi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...