La severità di Palazzi, i dubbi della FIGC

Ricapitoliamo. Stefano Palazzi, procuratore della FIGC, al termine della sua requisitoria all’udienza del primo dei due processi in calendario in questa estate di calcioscommesse avanza le richieste della procura federale. Non è conciliante. Cinque anni di squalifica più preclusione in continuazione per Mario Cassano, Nicola Santoni, Luigi Sartor e Alessandro Zamperini, responsabili, secondo gli elementi raccolti dall’ufficio della procura, di aver costituito un’associazione finalizzata alla commissione di illeciti, violando così l’articolo 9 del Codice di giustizia sportiva.

Con lo stesso capo d’accusa erano stati deferiti anche Cristian Bertani – la cui posizione è stata stralciata perché l’attaccante della Sampdoria è stato arrestato lunedì scorso nell’ambito dell’inchiesta “New Last Bet” della Procura di Cremona -, Cristiano Doni e Filippo Carobbio, che invece hanno patteggiato rispettivamente 24 e 20 mesi di squalifica.

Per l’Albinoleffe 27 punti di penalizzazione e 90mila euro di ammenda, per l’Ancona 10 punti, per l’Avesa (club, iscritto alla LND, di calcio a 5 in cui milita Cossato) 1 punto e 200 euro di ammenda, per il Pescara 2 punti, per l’Empoli 1 punto, per il Monza 6 punti, per il Novara 6 punti e 50 mila euro di ammenda, per il Padova 2 punti, per il Piacenza 19 punti + 70 mila euro di ammenda, per il Ravenna 1 punto, per la Reggina 6 punti (di cui 5 per responsabilità oggettiva per l’operato di Rosati + 1 per responsabilità presunta per attività posta in essere da Tamburini).

Per Monza e Novara secondo Palazzi vi è un problema da sottoporre alla Commissione Disciplinare poiché le gare in cui è contestato l’illecito riguardano la Coppa Italia e quindi la concorrente sanzione (ulteriore) dovrebbe essere l’esclusione dal torneo per la prossima stagione. Per le società deferite per il tesseramento di Bertani sussiste una responsabilità oggettiva indiretta e quindi Sampdoria e Siena dovranno pagare 50 mila euro e lo Spezia 30 mila euro.

All’approccio severo di Palazzi, espressione di un corpo della Federazione, propenso a una pulizia sommaria di un calcio malato che censura de facto e consente de iure si abbina un risvolto che ci saremmo evitati: la contrapposizione ai patteggiamenti decisi ieri della stessa Federazione. 

L’impugnazione delle sentenze emesse dalla Disciplinare nel processo sportivo sul calcioscommesse “è una facoltà attribuita dal codice di giustizia sportiva al presidente federale”. Una facoltà che secondo il presidente Giancarlo Abete eserciti il potere di impugnazione che gli viene attribuito “in via teorica e regolamentare” dallo statuto, dopo le prime sentenze emesse ieri nel processo sportivo di primo grado in corso a Roma. La Federcalcio che ricorre contro se stessa. 

Cesare Prandelli che appellandosi a un rivedibile sistema di etica applicata si immola rendendo disponibile la nazionale all’autoesclusione dagli Europei

Gianluigi Buffon, reo di altro, ma non ancora indagato per scommesse illegali che viene segnalato in una informativa alla procura in merito a una vicenda di assegni e milioni di euro versati a un tabaccaio titolare anche di una ricevitoria. 


Giancarlo Abete che potrebbe valutare l’ipotesi di impugnare le decisioni assunte dalla Disciplinare presieduta da Sergio Artico, nella giornata di apertura.


Troppe incertezze, troppi dualismi.


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...