Calcioscommesse: il proliferare di un pentitismo d’occasione. Bertani, l’amico di Gervasoni

!function(d,s,id){var js,fjs=d.getElementsByTagName(s)[0];if(!d.getElementById(id)){js=d.createElement(s);js.id=id;js.src=”//platform.twitter.com/widgets.js”;fjs.parentNode.insertBefore(js,fjs);}}(document,”script”,”twitter-wjs”);

Abbiamo una sola forza, una sola difesa: i fatti. Perché le parole sono importanti (tralasciamo la possibile accusa di citazionismo banale e prevedibile), perché le ricostruzioni puntuali restituiscono verità che, per quanto lacunose, appagano quell’esigenza di comprendere. E poi, perché vendere partite? Perché tirare in mezzo compagni, amici, colleghi? Il 31 maggio alle 9.30 inizierà il primo dei processi che ci attendono in quest’estate alleggerita da Euro 2012 e dalle Olimpiadi: 22 società. 61 persone di cui 52 giocatori, tra cui Cristian Bertani, attaccante della Sampdoria. Un giocatore imune dal pentitismo virale che pare essersi inflazionato all’indomani della dichiarazione del procuratore federale Stefano Palazzi a Bari, fuori dalla Procura guidata da Antonio Laudati.


Bertani è stato chiamato in causa da Carlo Gervasoni, uno dei collaboratori che ha fatto nomi, cognomi, indicato combine, suggerito il disegno dell’organizzazione che ha manipolato incontri di serie a come in altre categorie. Ecco, Bertani anche oggi ha continuato a parlare. A usare la parola per ribadire che quanto asserito dall’ex collega e che gli è costato il deferimento è supposto, non certo. Risponde così da sostenere la sua estraneità alle vicende, la sua convinzione che non sia stato il suo un caso isolato. Lo ha affermato a Radio Sportiva, lo ha ribadito a Sky Sport24. 

“Conte può stare tranquillo: Siena-Novara fu partita vera, ci si giocava la posizione in griglia per i playoff e loro la promozione. Quello che dovevo dire sulla partita l’ho detto in deposizione, Carobbio dice la sua”“Ho visto e letto tante cose che non mi sono piaciute – le parole dell’attaccante, ora alla Samp ma deferito per il periodo Novara –. So che faccio un lavoro in cui sono sempre sotto i riflettori, ma sono stato condannato senza giudizio e in più sul mio conto non c’è una prova, a differenza di colleghi in cui ci sono intercettazioni compromettenti. Nel mio caso c’è solo un pentito, purtroppo un mio vecchio amico, che parla e parla sempre in terza persona. Col rapporto che avevamo me lo avrebbe detto direttamente, invece parla sempre per sentito dire: la cosa è poco chiara. La giustizia sportiva non può arrogarsi il diritto di decidere senza prova, e io dimostrare di non aver fatto, cosa non certo semplice”“Altra cosa che mi ha lasciato perplesso – ha aggiunto –è che le accuse di un pentito sembrano la verità assoluta: il mio interrogatorio è stato molto blando, non incalzante o severo: loro avevano già deciso il mio destino. Si parla di 33 partite, io sono chiamato in causa in due sole di queste e mi contestano l’associazione a delinquere: in una delle due non ero neanche convocato. La scheda telefonica datami da Gervasoni? E’ la sua parola contro quattro miei compagni che negano. Io lotterò fino all’ultimo secondo per salvaguardare la mia famiglia e i miei figli, non mollerò mai. Sono messo sullo stesso piani di Gervasoni, rischio la sua stessa condanna, è una cosa fuori dal normale”

Palazzi l’ha deferito, Gervasoni lo ha menzionato in terza persona, dice lui. Alla vigilia del processo, Cristian Bertani parla a Sky e si ribella alle accuse: “Il mio stato d’animo non può essere dei migliori. E’ un periodo molto delicato, dopo il deferimento con un’accusa pesante solo perché un mio amico dopo essersi pentito di quello che ha fatto e ha sempre parlato di me sempre in terza persona, per sentito dire e quindi una volta uscito il deferimento ero ancor più sorpreso di questa vicenda. Ci sono cose che non quadrano, Gervasoni viveva a casa mia, parla di me sempre in terza persona. Ci voleva poco, se era un capo di un’associazione, veniva a casa mia visto che la sua casa era a 500 metri da casa mia… e parlarmi direttamente. I soldi nell’asciugamano? Non voglio parlarne io, ma la direttrice dell’hotel, pochi giorni dopo ha fatto un articolo di suo pugno in cui nega tutto. E io non la conosco: “l’anno scorso noi Bertani l’abbiamo mai visto qui dentro a ritirare pacchi e asciugamani”. Io in quell’albergo non sono mai stato. Altro che asciugamenti o maglie. Perché sono finito in questa storia? Penso che quando sei con le spalle al muro, provi a tirarti fuori in ogni modo. Millanterie? Sembra sempre che quando parla un pentito dica sempre la verità e che sia oro colato… Il video dell’Aic l’ho visto, ce lo hanno mostrato, quello era una iniziativa importante dell’Aic per tutelare l’immagine del calciatore. Il video è toccante. Io so che il giudizio della gente arriva prima, nel nostro lavoro la stampa e i media sono quelli che ti possono portare alle stelle se va bene o ti buttano giù quando le cose vanno male. Io non ho mai scommesso in vita mia, mai. Mi piace giocare a carte, durante tutti i ritiri lo faccio sempre: io non scommetto su niente, sul calcio, sul tennis, su niente. La presa di posizione mia è stata d’accordo con la società, il deferimento che arriva nel momento più caldo: insieme abbiamo deciso che era meglio per me e la squadra non distogliere energie, ho preferito restare al di fuori delle partite. Non sono stato messo fuori rosa”.



Il proliferare di pentiti nel calcioscommesse, in una visione così comune di do ut des, non scansa la diffusione del fenomeno e gli esiti fallimentari della giustizia nostrana a cui, stando a quanto affermato da Laudati, non sono stati supportati da pene adeguate. Per ora, pondero e valuto il punto di osservazione di Bertani che, come gli altri, verrà giudicato per quelle accuse formulate da Gervasoni. E rifletto su questo sistema fondato sui collaboratori, i suoi limiti e l’incertezza di dipendere in alcuni casi da costoro. Dalla loro, di parola. 

!function(d,s,id){var js,fjs=d.getElementsByTagName(s)[0];if(!d.getElementById(id)){js=d.createElement(s);js.id=id;js.src=”//platform.twitter.com/widgets.js”;fjs.parentNode.insertBefore(js,fjs);}}(document,”script”,”twitter-wjs”);

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...