Calcioscommesse, arrestato Masiello: l’autogol del derby combinato

CALCIOSCOMMESSE: L’ORDINANZA DEL GIP DI BARI


Partiamo dall’ultimo tassello che compone il mosaico di questa giornata incominciata presto. Prestissimo. Con l’arresto di Andrea Masiello, difensore di Serie A coinvolto nell’inchiesta Calcioscommesse, che alle 6.50 circa è stato tradotto in carcere dai carabinieri eseguendo il provvedimento di custodia cautelare firmato dal gip della procura di Bari, Giovanni Abbattista.


L’ultimo componente si inserisce alla perfezione in un equilibrio di incastri in cui Enrico Mentana, direttore e conduttore del Tg La7, annuncia con una certa disinvoltura (da non attribuirsi alla camera) altri arresti, stavolta da parte della procura di Cremona. 


Quanto di più prevedibile, se non fosse per l’attribuzione specifica a quell’ufficio, a quel gruppo di magistrati. Forse, per un certo esercizio del paradosso, l’arresto di Masiello poteva essere addirittura programmabile perché nelle ammissioni riportate negli interrogatori trapelavano mezze verità, presunte ricostruzioni. Poi quella nota, depositata il 28 marzo scorso, che irrompe squarciando quella velata strategia difensiva per rendere manifesto non solo l’ammissione di combine, ma uno dei gesti più infamanti nel codice del tifo organizzato, degli ultrà: vendersi la partita decisiva per la permanenza in Serie A contro il Lecce, l’antagonista.

“Voglio aggiungere che quando il risultato era sullo 0-1 – scrive – ho sfruttato un’occasione che mi si è posta per poter cristallizzare definitivamente l’esito della sconfitta del Bari e per poter, quindi, ottenere il pagamento promessomi, realizzando così l’autogol con cui si è concluso l’incontro”. Insomma, mi sono venduto la partita per soldi”.

Dissociazioni, estraneità ai fatti, ridimensionamento: a ciascuno la sua difesa per fermare l’inarrestabile sequenza di dichiarazioni di circostanza. Lo scenario che si paventa dopo l’ammissione che quel 15 maggio 2011 si è consumata l’alterazione della realtà con una manipolazione che – secondo la tesi della procura – andrebbe verificata in altri incontri.


La lotta per la permanenza in A – optassimo per una formulazione più sofisticata – è stata falsata, da quanto riporta il gip nell’ordinanzaL’alterazione della partita, scrive nell’ordinanza, “è stata richiesta” da persone “verosimilmente gravitanti nell’orbita del Lecce per motivi di classifica” e che “per questa ragione hanno corrisposto una importante somma di denaro”.


Il ristoratore Nicola De Tullio, ad esempio, uno del giro. “C’era questa cosa che gridava, il tam tam era già arrivato” mette a verbale parlando di cosa si diceva in città prima del derby. Ma è Marco Rossi, il 27 gennaio scorso, ad aprire uno squarcio di verità, anche se il suo ruolo è tutto da chiarire. “La settimana prima della partita – racconta l’ex centrocampista del Bari ora al Cesena ai magistrati – sono stato avvicinato da Masiello che mi disse che ci sarebbe stato un milione di euro da dividerci in caso di sconfitta”. Qualche giorno dopo la proposta fu rinnovata in una camera dell’hotel Vittoria Park di Bari, dove la squadra era in ritiro. E fu in quell’occasione che, sostiene Rossi, venne fuori anche chi si nascondeva dietro Masiello.

Di quell’autogol, sospetto oltre il consentito, che sentenziò la retrocessione della società di Matarrese ha dato conto Masiello. Gillet avrebbe asserito che in lui il sospetto è stato temporaneo, parziale per poi ammettere che un autogol può capitare nel calcio. 

Durante un’audizione del 7 febbraio scorso, davanti al gip di Bari, Jean Francois Gillet (ex portiere del Bari, ora al Bologna) aveva ammesso di aver subito pressioni puntualmente respinte da capi ultra’ del Bari. I quali avrebbero imposto al portiere ed allo stesso Masiello di perdere alcune partite (Cesena-Bari e Bari-Sampdoria), per incassare i proventi delle scommesse su quegli incontri. Il giocatore francese ha desiderato respingere alcuna possibile collusione, in merito a quei due match. Entrambi persi
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...