Juventus, Chiellini: "Dateci tempo, faremo gli 1-0"

Giorgio per me è Re Giorgio. Il capitano del futuro. Il contratto da rinnovare. Il ragazzo che doveva partire e invece è rimasto. L’economista. Giorgio è tanta roba. Mi piace, voto likes, consiglia e mettiamoci dentro la grinta e la tenacia (qualità che si apprezzano a prescindere). Il Cagliari appartiene già al passato, il presente è incerto, il futuro incerto. La Juventus odierna, operaia o meno, va studiata con attenzione anche nelle dichiarazioni di uno come Giorgio Chiello Chiellini.
 

LA DIFESA SOTTO ACCUSA –  “Prendiamo tanti gol, ma solo perché abbiamo cambiato molto, giocatori e tecnico, e abbiamo bisogno di adeguarci ai nuovi schemi. Tutte le squadre del mister hanno avuto bisogno un pò di tempo all’inizio, piano piano ci riusciremo anche noi. Spero di poter festeggiare presto qualche 1-0”. 
IL NUOVO PRESIDENTE –  “La presenza del presidente si sente, prima di lui John era abbastanza presente, ma Andrea è anche lui molto presente ed il mito dell’Avvocato rimane sempre. Ai tifosi juventini penso scatti qualcosa sempre quando si parla della famiglia Agnelli, e si è visto nell’affetto di giovedì dopo la sconfitta pesante casalinga. È stata una piacevole sorpresa dovuta anche dalla presenza di Andrea come presidente”.

SCUDETTO –  “Se Inter e Milan vanno dritti senza cali, per noi ci sarà poco da fare in chiave tricolore, ma se hanno un calo dovremo essere bravi ad approfittarne. Il nostro obiettivo è andare in Champions, è troppo importante per noi”. 
TRICOLORE“Spero di vincere io il tricolore, se però io non dovessi farcela, spero in Allegri, livornese come me. Conosco “acciuga” (il soprannome di Allegri, ndr) da anni, è una gran brava persona”. 
LIPPI “Si è chiuso nel silenzio dopo il Sudafrica? Come tutti, non abbiamo voglia di parlarne”. 
CENTRALE DI DIFESA – “Non mi piace giocare a sinistra, penso di dare il meglio in mezzo, ma certo non mi rifiuterei di giocare terzino sinistro. Decide Del Neri”. 
MANCHESTER CITY E INTER – “Ci aspettano due partite belle toste, con la squadra di Mancini giovedì, e poi con l’Inter domenica. Quella con i nerazzurri è la sfida delle sfide, ma per noi l’Europa League è importante, e avremmo bisogno di un risultato positivo per acquisire sicurezze che ancora ci mancano”.
CITY E REAL – “Non credo di essere stato vicino al Manchester City o al Real Madrid. Penso che la società non abbia mai avuto la volontà di cedermi”. 
NAZIONALE “Come si è comportato in Nazionale? Bene se continua a segnare e a farci vincere…”.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...