Juve: giovani che rimangono, giovani che partono

Bella che sarebbe la giovane Juve. Mi cullo in questa considerazione quando osservo Seba schiarirsi sotto il sole settembrino con la casacca del Parma indosso interrogandomi sul senso di una scelta che declina nella rassegnazione. Mi manca Giovinco, quello che a Empoli non affondava nel campo. Sempre dietro alle due punte. Anche Marchisio era stato mandato in Toscana a rinvigorirsi, a temprarsi per apprendere le leggi di un calcio che non consente di commettere errori a chi indossa la casacca della Juventus. A Siena De Ceglie ha trascorso una stagione formativa per integrarsi in un progetto nuovo. In cui viene menzionato e in cui pare escluso, secondo opportunità. Di chi, di che cosa sfugge a volte.

Criscito, Mirante, Palladino, Immobile, Pasquato: i bravi ragazzi del vivaio cercano un posto al sole. Che bella questa Juve disegnata in un vivaio che ha cresciuto giocatori vigorosi, forgiato caratteri e che, nella tragedia, si è rafforzata come Vincenzo Chiarenza ha tracciato in una recente intervista.

Eppure Sebastian ha deciso di andar via. E ha scansato Torino, la vita agra della panchina che non gli ha restituito pazienza. C’è solo disillusione nelle parole spese con una sagacia sproporzionata per un ragazzino. Anche se lo chiamano Formica Atomica e se il West Ham e l’Arsenal (in tempi finanziariamente migliori) avevano intenzione di portarlo in Premier. Claudio, dagli occhi silenziosi, affida a Facebook il proprio malessere per un rinnovo che stenta a rassicurarlo. Gli altri, i tanti andati e venuti, sono cresciuti e cresceranno altrove. Lontano da Vinovo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...